Thousands worlds inside of Pac-Man

Questa presentazione richiede JavaScript.

Games Week 2015 | Mostra tributo a Pac-man

Questa è l’opera che ho realizzato per la Games Week di quest’anno, è ispirata a Pac-Man perché nel 2015 la pallina gialla più famosa della storia dei videogame festeggia i 30 anni. E’ un digital painting stampato su carta cotone 100% Turner con tecnica Fine-Art Giclée e con certificazione di qualità museale e conforme agli standard della Fine Art Trade Guild.

Per prezzo e condizioni di vendita scrivere a lostinpixel @ gmail.com

I 15 sprite del Pac Man di Tohru Iwatani originali, pixel per pixel, sono riprodotti in grande scala e permutati tra loro a due a due in sovrapposizione e ricolorati secondo la palette cromatica originale del color PROM dell’arcade NAMCO, in un lavoro di ricerca iconografica che rivela inaspettatamente un nuovo mondo nascosto nei bit. Il mondo che ci viene rivelato è quello della storia dei primi arcade a 8 bit dove astronavi, razzi, esplosioni, fortificazioni e creature erano tutte realizzate a partire da una manciata di pixel, che condividevano la medesima matrice matematica ma che – grazie ad artifici alchemici a metà strada tra l’arte e la programmazione –  risultavano sempre differenti e unici.

Ecco che distillando e miscelando frame di Pac Man come in una bottega alchemica o in un moderno laboratorio chimico in cui gli elementi di una tavola periodica sono sostituiti dai bit e dai byte si creano elementi e sostanze nuove ma familiari, segni di un cripto-alfabeto che una videogrammatica degli anni ’80 ci può aiutare a svelare: qui ci appare una fortificazione alla Space Invaders, lì un’astronave à la Defender, là un frame di una partita a Pong.

In queste macchie Rorschach-Iwataniane complici i giochi cromatici e la Gestalt, ritroviamo parte della storia informatica dei computer games e parte di noi stessi bambini. In questa araldica bit, nel “uno” ritroviamo il tutto e viceversa, una pallina gialla come macchina nei labirinti del tempo che incorona Iwatani come imperatore incontrastato di questo stroboscopico regno della fantasia videoludica.

 

Thousands worlds inside of Pac-Man

2015, stampa Fine-Art Giclée, 45 x 45 cm, Milano

Milan Games Week Party @ Bicocca

Questa presentazione richiede JavaScript.

Games Week 2014 | Game Art Gallery

Questa presentazione richiede JavaScript.

GAME ART ENERGY | FUORI MILAN GAMES WEEK OTTOBRE 2014

milan-games-week-2014-logo-001

Dopo la settimana della moda e quella del design, Milano si prepara a vivere una nuova invasione. Ad animare le serate meneghine saranno questa volta i videogiochi, che usciranno dai confini della Fiera per coinvolgere la città con un ricco palinsesto di iniziative in programma, per quello che è stato battezzato come Fuori Milan Games Week.
Il “fuori salone” di Milan Games Week, nato per celebrare la quarta edizione della manifestazione dedicata ai videogiochi in programma dal 24 al 26 ottobre 2014 al Padiglione 4/Gate 4-5-6 di FieraMilanoCity, prenderà vita il 20 ottobre 2014. Realizzato sotto la direzione artistica di Game Art Gallery – coinvolgerà tutta la città per 7 giorni con decine di iniziative gratuite dal taglio artistico-culturale aperte a tutti, dagli appassionati di videogiochi ai semplici curiosi ed estimatori di novità, cultura ed innovazione, dagli amanti della musica elettronica ai fan delle saghe cinematografiche.
Oltre 20 gli eventi e i progetti in scena in diverse aree di Milano: mostre d’arte, installazioni visionarie, live performance ispirate alle ultime tecnologie, esposizioni di retrogaming e appuntamenti dedicati alla musica 8 bit – che ha animato i videogame che hanno fatto la storia -, conferenze e workshop a tema, laboratori creativi, DJ Set e proiezioni di pellicole originali del grande cinema che, mai come oggi, si intreccia con il mondo dei videogiochi. Inoltre, nei giorni del “Fuori Milan Games Week”, alcuni tra i principali studi di sviluppo milanesi apriranno le porte ad esclusivi tour, per mostrare da vicino i segreti dietro la creazione di un videogioco.

<FONTE: http://www.ilsole24ore.com/> ©

img_fuorimgw_top

Questa presentazione richiede JavaScript.

Io espongo all’Atelier e spazi Brandstorming, Via Corsico 3 due opere West of house e Press play on tape dal 20 al 26 Ottobre, dalle 15.00 alle 19.00. Sabato dalle 16.00 alle 23.00.

www.brand-storming.it

MOMA New York Tribute

MOMA New York Tribute  – 14 artisti per 14 videogiochi acquisiti dal museo americano –  è il nome della sezione dell’evento GameLand by GameSearch (21 dicembre 2012 – 6 gennaio 2013) che si terrà a Villasanta (MB) dedicato alla recente acquisizione da parte del MOMA (Museum of Modern Art) di New York di 14 videogiochi per essere esposti nella sezione Design e Architettura. Un evento epocale per la cultura in genere e in particolare per quella del videogioco.
Io parteciperò con questa illustrazione dedicata al gioco The Sims dal titolo “Videogames Are Art: Sims Goes to MOMA“.

Videogames Are Art: Sims goes to MOMA

Ed ecco la tela realizzata (24×24 cm, olio su tela)

Videogames are Art: Sims Goes to MOMA

Ecco la lista completa dei giochi acquisiti per il momento dal MOMA:

• Pac-Man (1980)
• Tetris (1984)
• Another World (1991)
• Myst (1993)
• SimCity 2000 (1994)
• Vib-ribbon (1999)
• The Sims (2000)
• Katamari Damacy (2004)
• EVE Online (2003)
• Dwarf Fortress (2006)
• Portal (2007)
• FlOw (2006)
• Passage (2008)
• Canabalt (2009)

Nei prossimi giorni aggiornamenti sul work in progress della trasposizione su tela!
In questa occasione ho optato per una griglia di 32×32 pixel (la metà del solito!) per una tela di 24×24 centimetri. Meno pixel e un po’ più grossi!

Mi piace molto questa parte del disegno perché ricorda i mondi di super mario (sarà una citazione?)

Suggestioni alla Super Mario Bros

Una curiosità…i colori e il motivo della maglia del Sim sono ispirati al bancone di ingresso del MOMA!

I colori del MOMA

Per saperne (mooolto) di più
GameLand by GameSearch
Neoludica

Game Art Camp reportage fotografico

Game Art Camp – GamesWeek 2012 Photo © Filippo Scaboro

Questa presentazione richiede JavaScript.